START | Veneziani | gli ex-venditori di granoturco

Erano circa una decina e lavoravano solo per mezza giornata: dalle 9 all’una e dall’una al tramonto del sole e cioè quando i colombi non hanno più appetito e vanno a letto come le galline. Vendono granoturco in sacchettidi carta con stampati dei consigli su dove gettarli una volta svuotato nel gargarozzo del colombo i circa 300 chicchi di grano inseriti a mano con lenti gesti antichi.

Sono i venditori di grano turco: gli unici che hanno il permesso di dar da mangiare ai colombi di piazza S. Marco e anche di vendere il mangiare, cosa proibitissima agli altri comuni mortali. E’ infatti proibito dar da mangiare ai colombi (se non in questo modo) a Venezia pena un multa salata. Non sono stati loro a promuovere questa normativa ma i politici di casa nostra che giustamente non vogliono che i loro escrementi vadano a corrodere i preziosi marmi.

Vanno d’accordo tra di loro? Guadagnano o fanno la fame? Sono una bella compagnia fatta di persone che parlano di cose allegre, di cose importanti ma che dopo sfociano in cose allegre, di cose effimere e che guadagnano quanto basta a vederli felici anche sotto il sole cocente o in mezzo all’acqua alta. Che rapporto hanno i venditori di granoturco con i loro amici pennuti? Sicuramente un buonissimo rapporto fatto di brevi discorsi rassicuranti tra bestie e uomo; delle specie di pacche sulle spalle per dire a loro di portare pazienza che prima o dopo colui che comprerà il sacchetto sfamerà lui e tutti i suoi simili. Un particolare: preferiscono i colombi bianchi o quelli diversi dal solito nero. Infatti, se insiti giro ci sono colombi di quel genere lì, con il bastoncino fanno volare i neri con la faccia seria seria dicendo loro di scostarsi per far mangiare i bianchi. I bianchi sono in minoranza e quindi devono essere protetti (…?). Non ci credete? 

Sopportano anche la puzza del guano che inevitabilmente permea la piazza S. Marco nei giorni di umido, per non parlare dei svolazzamenti dovuti al una picchiata di gruppo dopo che l’ignaro turista si fa cadere il sacchettino del grano dalle mani lì vicino: aria, scontri con i pennuti, penne e piume perse che sembra abbiano rotto un cuscino di piume d’oca.

Ora i venditori di grano non ci sono più, sostituiti da foresti abusivi accorsi a frotte facendo pagare una manciata di grano tenuto nelle tasche o in una borsetta di plastica anonima chi 1 euro chi 5 euro. Sono insistenti e antipatici quando non li badi pari ai venditori di rose & C.

 vano
A Venezia tutti dicono...
Muoversi a Venezia. Un tentativo...
a5
Miti culinari dei veneziani
Vivisezione di alcuni tipici oggetti ...
Le mete turistiche preferite...
Saggezza popolare: ignoranza e basta?
Cesare Colonnese
La rubrica di Mat
Gli ex-venditori di grano per i colombi
I vigili
I sbarbai
Soprannomi dei gondolieri
i colombi
Natasha
Pendolari, questi sconosciuti
Gondolieri, romanticoni o...
Verbi veneziani
Piccola raccolta di ninnananne...
Fabrizio Tamburini
Moda a Venezia
Termini comuni che non si usano più
Quelli delle bancarelle
Gli intromettitori
I cantanti delle serenate in gondola
Poesie veneziane
Le vignette di Lele Brunini
Le frasi matte dei turisti
San Martin
Modi di dire
Dizionario veneziano-inglese
Le canzoni delle serenate.
Espressioni dialettali veneziane
Ricette venessiane tipiche
Giuochi: quelli che si facevano...
I tassisti
Gli abusivi
I portabagagli
I veneziani comuni
Ada
Il nostro leone
Tony
I gatti veneziani

info

  • Associazione Venessia.com
    Numero 2850
    Delibera iscrizione 92 del 27/05/2010
    Finalità Soldarietà/Promozione Sociale/Cultura
    PI: 94072520276
  • Castello 2161, VENEZIA
    mail: venessia.com@gmail.com