START | Veneziani | i pendolari delle isole

Da Punta Sabbioni a Venezia, Pellestrina, Burano…isole. Non siamo in terraferma e, se anche si abita relativamente vicino, il tempo di percorrenza tra il luogo di lavoro e la propria isola dura quasi sempre un oretta se non di più. Ma chi sono i pendolari delle isole? Di solito sono bonari personaggi d’altri tempi che, soprattutto ai veneziani del centro storico, fanno perfino tenerezza. I pendolari della mattina sono misti; uomini e donne. Quelli del pomeriggio per il 90% donne. Se sono sole sembrano degli agenti segreti in incognito. Ma se sono in compagnia fanno filò fino alla meta.
Comunque sia c’è sempre il leader. Di solito è una vecchia signora pimpante con l’incotonatura ai capelli tipica degli anni ’70. Occhiali da sole anche di sera. La faccia è anch’essa quella tipica da persona imbronciata con tanta voglia di riscatti. Il leader parla sempre a voce alta spedendo sguardi come frecce a tutto il branco. I discorsi ruotano su tutto quello che succede in isola, ovviamente accentuando tutto.

Il rumore non proprio sommesso del vaporetto invita al sonno, il paesaggio, seppur suggestivo, è monotono: acqua e bricole, qualche isola massacrata dal tempo. Da bava alla bocca e sguardo novocainizzato. E’ come guardare dal finestrino dell’aereo: prima guardi le nuvole sfrecciare lente ma poi ti concentri sui cristalli di ghiaccio del vetro. Sul vaporetto ci si concentra sui cristalli di sale.

Tutto questo succedeva prima dell’avvento degli smartphone. Ora che sui telefoni fai di tutto i tradizionali gruppi filosofici si sono come smembrati, azzerati. Vedi allora sorrisi se uno gioca (e vince) alla nuova app o attentissimo a seguire su Facebook tutto quello che succede tra i suoi amici che non sono in vaporetto.

E poi ci sono i turisti. I turisti delle isole non sono quelli classici che si mangiano le melanzane alla parmigiana all’ombra delle procuratie nuove. I turisti delle isole sono quelli che sono abituati a scoprire il mondo alternativo. Armati ora di cellulare, zainetto e occhiali. Non sembrano bambini curiosi come quelli dell’Europa dell’Est che si facevano la pipì addosso al solo il vedere il Tronchetto ma turisti coscienziosi e consapevoli.

Si arriva alla meta. Il leader raggruppa il branco mettendosi davanti ma con la testa rivolta all’indietro per controllare che tutte seguono i suoi discorsi fino al momento dello sbarco. Il dormiente si scuote al solo variare dei giri del motore del vaporetto, si asciuga la bava, le lacrime agli occhi. Gli altri rientrano nel loro corpo e si alzano sommessamente con la testa ferma e lo sguardo rivolto all’infinito salutandosi tra di loro con mezzo sorriso visto che l’altro mezzo è rimasto attaccato al telefono. Tutti alle proprie case. Domani è un altro giorno uguale agli altri.

 

A Venezia tutti dicono...
Muoversi a Venezia. Un tentativo...
a5
Miti culinari dei veneziani
Vivisezione di alcuni tipici oggetti ...
Le mete turistiche preferite...
Saggezza popolare: ignoranza e basta?
Cesare Colonnese
La rubrica di Mat
Gli ex-venditori di grano per i colombi
I vigili
I sbarbai
Soprannomi dei gondolieri
i colombi
Natasha
Pendolari, questi sconosciuti
Gondolieri, romanticoni o...
Verbi veneziani
Piccola raccolta di ninnananne...
Fabrizio Tamburini
Moda a Venezia
Termini comuni che non si usano più
Quelli delle bancarelle
Gli intromettitori
I cantanti delle serenate in gondola
Poesie veneziane
Le vignette di Lele Brunini
Le frasi matte dei turisti
San Martin
Modi di dire
Dizionario veneziano-inglese
Le canzoni delle serenate.
Espressioni dialettali veneziane
Ricette venessiane tipiche
Giuochi: quelli che si facevano...
I tassisti
Gli abusivi
I portabagagli
I veneziani comuni
Ada
Il nostro leone
Tony
I gatti veneziani

info

  • Associazione Venessia.com
    Numero 2850
    Delibera iscrizione 92 del 27/05/2010
    Finalità Soldarietà/Promozione Sociale/Cultura
    PI: 94072520276
  • Castello 2161, VENEZIA
    mail: venessia.com@gmail.com