START | Veneziani | Il nostro leone

Narra la leggenda che Marco, fondato il patriarcato di Aquileia per ordine di San Pietro, subì una tempesta nei pressi della laguna veneta mentre ritornava a Roma. La furia degli elementi sospinse la sua barca nelle ancora disabitate isole di Rialto. In sogno gli apparve un angelo del Signore comunicandogli: “Pax tibi, Marce, evangelista meus…”. Pace a te Marco, mio caro evangelista. Sappi che qui un giorno riposeranno le tue ossa. Dopo la tua morte il popolo credente che abita questa terra edificherà in questo luogo una città meravigliosa e si paleserà degno di possedere il tuo corpo.

E adesso vediamo, molto sommariamente, com’è stato trafugato il corpo di S. Marco da Alessandria d’Egitto a Venezia.
Era l’anno 828 quando Buono, tribuno di Malamocco, e Rustico da Torcello, entrarono nel porto di Alessandria contravvenendo al decreto dei dogi veneti che proibiva il commercio coi saraceni. Entrando nella chiesa di S. Marco (dov’era sepolto il corpo del santo) videro il monaco Staurazio e il prete Teodoro, sacerdoti greci e custodi del tempio, preoccupati perché temono la devastazione della chiesa (e quindi la profanazione delle reliquie) per colpa del califfo.
Buono e Rustico allora pregarono i custodi di farsi consegnare il corpo del santo e di portarlo a Venezia. Dapprima si rifiutarono perché quella era la terra in cui Pietro ordinò al santo di predicare e che se gli abita
nti si accorgessero de trafugamento non si potrebbe in alcun modo evitare il pericolo di morire. Poi, facendogli notare che prima aveva predicato in terra di Aquileia, si ricredettero.
Presero le reliquie e le coprirono di erbe e pelli porcine eludendo il controllo visto che i saraceni non vanno molto d’accordo con le pelli dei maiali. Arrivarono quindi a Umago e, ottenuto perdono della grave infrazione dell’editto ducale che avevano commessa, entrarono nel porto di Olivolo.
La più antica testimonianza di un vessillo veneziano viene fornita nel 998 da Giovanni Diacono. Molti comunque pensano che invece del leone marciano ci fosse una croce d’oro su sfondo azzurro. La prova sarebbe nella formella della “Pala d’oro” dove c’è la rappresentazione dell’accoglimento delle reliquie di S. Marco nella basilica dove un armato regge appunto un vessillo con tale simbolo . I colori dello Stato veneziano non sono sempre stati il rosso e il giallo (l’oro) come vediamo adesso ma azzurro e il giallo (l’oro).

Gli stendardi erano con il drappo bianco se la repubblica era in pace, col drappo rosso se in guerra, con drappo azzurro se in alleanza con qualche sovrano e col drappo violetto se in tregua d’armi. Solo la marina ebbe sempre il rosso sia nelle bandiere che nelle uniformi, e per questa ragione anche gli stendardi innalzati sulle antenne della piazza sono sempre stati rossi, perché le antenne stavano a rappresentare ed erano effettivamente alberi di nave.

Anche Venessia.com ha fatto, con molta umiltà, le sue bandiere.
A Venezia tutti dicono...
Muoversi a Venezia. Un tentativo...
a5
Miti culinari dei veneziani
Vivisezione di alcuni tipici oggetti ...
Le mete turistiche preferite...
Saggezza popolare: ignoranza e basta?
Cesare Colonnese
La rubrica di Mat
Gli ex-venditori di grano per i colombi
I vigili
I sbarbai
Soprannomi dei gondolieri
i colombi
Natasha
Pendolari, questi sconosciuti
Gondolieri, romanticoni o...
Verbi veneziani
Piccola raccolta di ninnananne...
Fabrizio Tamburini
Moda a Venezia
Termini comuni che non si usano più
Quelli delle bancarelle
Gli intromettitori
I cantanti delle serenate in gondola
Poesie veneziane
Le vignette di Lele Brunini
Le frasi matte dei turisti
San Martin
Modi di dire
Dizionario veneziano-inglese
Le canzoni delle serenate.
Espressioni dialettali veneziane
Ricette venessiane tipiche
Giuochi: quelli che si facevano...
I tassisti
Gli abusivi
I portabagagli
I veneziani comuni
Ada
Il nostro leone
Tony
I gatti veneziani

info

  • Associazione Venessia.com
    Numero 2850
    Delibera iscrizione 92 del 27/05/2010
    Finalità Soldarietà/Promozione Sociale/Cultura
    PI: 94072520276
  • Castello 2161, VENEZIA
    mail: venessia.com@gmail.com