START | Veneziani | Canzoni tipiche veneziane, terza parte.

Venezia la luna e tu

Passano sul mare le gondole placide
fra i sogni d’or
ed ogni gondolier, con nostalgia,
sospira la canzone sua d’Amor:
Venezia, la luna e tu!
Stanotte questo cuore
sognando aspetterà!
Venezia, la luna e tu!
Sulla laguna
l’Amor ci avvincerà!
Fra un sussurar di dolci cantilene,
coi baci ti dirò: “Ti voglio bene”
Venezia, la luna e tu!
E’ questo il grande sogno
che non si scorda più!
Sognano il cuore e l’anima
tremano pensando a te:
in questa nostalgia di paradiso
voglio tenerti incatenata a me!

La canzon del Redentor

No xe degno de sta tera,
de Venexia no xe fio,
chi no fa la note in barca
e no fa matina al Lio.
Dei bagordi venessiani
questa xe la tradission,
taca Tita co l’armonica
quatro note de ocasion.
Redentor, Redentor ti xe beo,
festa degna de papi e de re:
se confonde la luna dal cielo,
coi baloni che in tera ghe xe.
Xe ste frasche quà de sora,
xe i baloni ilumina
che la vita dà a sta festa
che no gà da morir mai.
El canal de la Zueca,
cale e campi xe un amor
taca Tita co l’armonica
la canson del Redentor.

Venezia mia

Venezia…Venezia mia
con la bellezza e la poesia
hai donato al nostro cuor
la gioia del primo Amor!
A Venezia…sulla laguna
A Venezia…sulla laguna
da Parigi è giunta un dì
la mia donna, la donna che
ora vive accanto a me!
Una gondola leggera
ci portò la prima sera
nella dolce sua laguna
era complice la luna e il mar.
Venezia…Venezia mia
la tua gondola e il tuo mar
hai donato al nostro cuor
la gioia del primo amor.
Per le strade e i tuoi campielli
in un giardino in mezzo al mare
tu fai vivere e sognare
un grande Amore, la felicità,
mille momenti fantastici
tu doni magica città!…
La gioia del primo amor!

Voga e va

Venezia rassomiglia ad una sposa
vestita di merletti di Burano
sospira tra le gondole festose
dal Lido alla laguna
sposi e amanti buona fortuna
voga e va voga voga e va
gondolier vecio gondolier
canta el cor non posso andar più via
perché Venezia mia m’hai fatto innamorar
canta el cor non posso andar più via
perché Venezia mia m’hai fatto innamorar
Gò visto do colombi
voleva far el nido in paradiso
ma son tornati a notte su Rialto
e han lanciato un grido
Venezia nostra sei il più bel nido
voga e va voga voga e va
gondolier vecio gondolier
canta el cor non posso andar più via
perché Venezia mia m’hai fatto innamorar
canta el cor non posso andar più via
perché Venezia mia m’hai fatto innamorar
Un vecio gondolier de Santa Crose
che pianse quando passa ea regata
più iù nol pol remar ma el spinse a vose
e gondoe ghirlandeiù che se el primo sul Canal Grande
voga e va voga voga e va
gondolier vecio gondolier
canta el cor non posso andar più via
perché Venezia mia m’hai fatto innamorar
canta el cor non posso andar più via
perché Venezia mia m’hai fatto innamorar
gondolier vooooga eee vaaaa.


Note de luna

Bea ti se sentada sol trasto
pusada sul fianco co’ la luna da drio
(la barca che andava sensa timon).
Poder disegnar su la tela el frofìo
l’istante fermar, ea bea vision.
Veder un lustrin che te passa sul viso
forse na giossa, na stéa, un recin,
no capir, forse un soriso.
Vardarte sensa parlar,
tocarte col cuor e sparir
e dopo tornar, come el mar
e là ritrovarte
sentada sol trasto, pusada sul fianco,
co’ la luna da drio.
Un fio de bava passando vissin
par mi te disesse “Ti xe l’amor mio”.

Voga voga cocola

Nineta so stò mar che ne dòndoea
tase per ‘scoltar
se ti vol cantar!
Lu basa contento eà gòndoea
come fasso mi
streto quà cò ti!
Voga , voga cocola
za che ti sé in grìngoea…
canta e dopo bàsime,
che cò i to basi me fa tanto ben!
Cantae dopo bàsime,
che cò i to basi me fa tanto ben!
Basarse fra tute ste gòndoe
no xe l’ideal,
no xe natural…
Chi vede pol far de e ciàcoe,
fora in mezo al mar
chi ne pol trovar?

Venezia no

Mamma e papà cinquant’anni fa,
sposi a Venezia arrivarono
e per ricordo comprarono
una gondola col carillon!
Ma quel giorno di un’altra età
che accompagnò la mia gioventù,
oggi purtroppo non suona più
la sua magica e cara canzon!
Tutto è cambiato ormai…
Venezia no, Venezia no, non cambierà mai!
e se a Venezia vai
come a quei tempi di Goldoni la vedrai…
Cambiano le città…
Venezia no, Venezia no, non cambierà!
Guardi e Milesi un dì
l’ hanno dipinta come tu la vedi qui!
Passa la vita di tutti noi
come un merletto sul tombolo.
In ogni cuor c’è una gondola
per un mare di gioia e dolor!
Mamma e papà son tornati ancor
per festeggiare le nozze d’or…
Tutto è cambiato, venezia no!
La laguna cambiare non può.
Venezia no, Venezia no, non cambierà mai!
Venezia no, Venezia no, non cambierà mai!
Cambiano le città…
Venezia no, Venezia no, non cambierà!
Con le sue ali va
colomba bianca della mia felicità.

A Venezia tutti dicono...
Muoversi a Venezia. Un tentativo...
a5
Miti culinari dei veneziani
Vivisezione di alcuni tipici oggetti ...
Le mete turistiche preferite...
Saggezza popolare: ignoranza e basta?
Cesare Colonnese
La rubrica di Mat
Gli ex-venditori di grano per i colombi
I vigili
I sbarbai
Soprannomi dei gondolieri
i colombi
Natasha
Pendolari, questi sconosciuti
Gondolieri, romanticoni o...
Verbi veneziani
Piccola raccolta di ninnananne...
Fabrizio Tamburini
Moda a Venezia
Termini comuni che non si usano più
Quelli delle bancarelle
Gli intromettitori
I cantanti delle serenate in gondola
Poesie veneziane
Le vignette di Lele Brunini
Le frasi matte dei turisti
San Martin
Modi di dire
Dizionario veneziano-inglese
Le canzoni delle serenate.
Espressioni dialettali veneziane
Ricette venessiane tipiche
Giuochi: quelli che si facevano...
I tassisti
Gli abusivi
I portabagagli
I veneziani comuni
Ada
Il nostro leone
Tony
I gatti veneziani

info

  • Associazione Venessia.com
    Numero 2850
    Delibera iscrizione 92 del 27/05/2010
    Finalità Soldarietà/Promozione Sociale/Cultura
    PI: 94072520276
  • Castello 2161, VENEZIA
    mail: venessia.com@gmail.com