START | Veneziani | Quelli delle bancarelle.

Quelli delle bancarelle sono in tanti. Non c’è città in Italia, forse al mondo, dove ci sia una alta concentrazione di venditori di souvenir all’ aperto come a Venezia. Facendo un po’ di conti, sommando le 200 e passa licenze di commercio su aree pubbliche e negozi e negozietti di souvenir che proliferano più delle bancarelle e che vendono le stesse cose (anche se di qualità migliore e con prezzi più che raddoppiati), ci si avvicina ad un rapporto cliente/venditore 1:1.

A parte gli scherzi, l’ offerta è mostruosa a beneficio della qualità, della varietà e del prezzo: la concorrenza porta a rendere più prezioso e quindi appetitoso il ricordino e anche più economico. La ricerca della novità spinge l’ artigiano ad inventare sempre cose nuove e strane, dalle variazioni sul tema che vanno dal miglioramento del souvenir da un lato, e a distruggerne l’ anima da un’ altro. In pratica, col passare del tempo o diventa più bello o diventa sempre più schifoso fino a scomparire.

Una volta le bancarelle esistevano solo a S. Marco, a piazzale Roma, a Rialto e ai giardinetti Napoleonici, poi sono nate come i funghi dopo una pioggia autunnale. A dire il vero molte licenze di ambulante esistevano ma non venivano usate perché non si guadagnava molto. Poi, morti i vecchi gestori, sono state rilevate da giovani di belle speranze e agghindate a dovere, riempite di ogni cosa, ingozzate, sono diventare motivo di interesse economico.

L’ ambulante veneziano è abituato a vedere molta gente, a catalogarla, a riconoscere il cliente buono da quello che non compera che si assistono a scene che vedono l’ ambulante simpatico con gli spendaccioni e odioso con i cattivi clienti. Come vedete non ci sono differenze tra il commerciante veneziano e qualsiasi altro. L’ unica differenza è che siamo in tanti. Ma non troppi.

NB: questo pezzo è stato scritto agli inizi del 2000. Come si sa c’é stata la crisi e gli ambulanti l’hanno pagata eccome. Non è più il pozzo di San Patrizio. La concorrenza si è fatta più spietata e molti veneziani hanno lasciato il lavoro per affittarlo ai cingalesi. Da anni ormai anche i negozi fanno la concorrenza alle bancarelle offrendo ai poveri turisti merce sempre più scadente.

Imbarcazioni caratteristiche. A Venezia tutti dicono "ostregheta" e vanno tutti quanti in gondola. Invece l'imbarcazione tipica di Venezia sarebbe...
Muoversi a Venezia. Un tentativo di raccontare i vari personaggi che compongono l' allegra compagnia del trasporto pubblico a Venezia. Tecniche per usufruire al meglio il vaporetto.
Miti culinari dei veneziani. Quali sono veramente i cibi e le bevande tipiche che il veneziano consuma quotidianamente.
Souvenir: Vivisezione di alcuni tipici oggetti ricordo che ognuno nella nostra vita ha comperato nella classica gita a Venezia.
Le mete turistiche preferite dai veneziani di una volta e di adesso.
Saggezza popolare o ignoranza e basta? Metodi antichi per regolarsi senza...
Pendolari, questi sconosciuti.
Gondolieri, romanticoni o...
Verbi veneziani
Piccola raccolta di ninnananne e filastrocche
Giuochi: quelli che si facevano una volta. E di adesso.
Fabrizio Tamburini
Canzoni tipiche veneziane: le canzoni delle serenate.
Ricette venessiane tipiche. Da stampare e attaccare in cucina mentre le preparate. Altro che iPad.
Il leone di S. Marco. Storia della nostra bandiera.
Espressioni dialettali veneziane. Piccola raccolta delle parolacce.
Termini comuni che non si usano più.
Modi di dire
Dizionario veneziano-inglese
La rubrica di Mat
Tassisti
Gondolieri, romanticoni o...
Quelli delle bancarelle
Gli abusivi
Gli intromettitori
I portabagagli
Gli ex-vendoitori di grano per i colombi.
I cantanti delle serenate in gondola.
I veneziani comuni
I vigili
I sbarbai
Poesie venezie
Soprannomi dei gondolieri
Le frasi matte dei turisti
I colombi
Natasha
Le vignette di Lele Brunini
Tony
Ada
I gatti veneziani
Cesare Colonnese
Moda a Venezia.

info

  • Associazione Venessia.com
    Numero 2850
    Delibera iscrizione 92 del 27/05/2010
    Finalità Soldarietà/Promozione Sociale/Cultura
    PI: 94072520276
  • Castello 2161, VENEZIA
    mail: venessia.com@gmail.com