Articolo de El Mundo su Venezia

Articolo de El Mundo su Venezia

Massima allerta a Venezia: come salvare la città dal turismo impazzito

“Venezia è come mangiare un’intera scatola di cioccolatini al liquore allo stesso tempo,” disse Truman Capote, usando quella metafora per esprimere la dolce bellezza dell’ubriachezza che intossica chiunque passi sulla città dei canali. Il problema è che ce ne sono troppi che stanno abbuffando quei cioccolatini.

Le figure dell’empachio sono brutali. Venezia riceve circa 25 milioni di turisti all’anno nella sua area di 8,3 km ², circa 68.500 al giorno secondo la rigorosa media matematica . Ma potrebbero essere ancora di più: uno studio condotto da Jan Van Der Borg , professore di Economia del Turismo presso l’Università Ca ‘Foscari di Venezia, afferma che ci sono in realtà 77.000 visitatori, mentre i loro calcoli sono a 52.000 l’importo massimo che è in grado di supportare . E il numero non smette di crescere: si stima che nel 2025 raggiungeranno 38 milioni all’anno.

Quella selvaggia pressione turistica sta letteralmente uccidendo Venezia, la sta trasformando in una città fantasma, vuota, spogliata della vita oltre i turisti. La Serenissima , che negli anni ’50 contava 150.000 abitanti, da allora ha perso due terzi dei suoi vicini. La prova ovvia è nel bancone installato dall’organizzazione Venessia.com nella Farmacia Morelli, situata ai piedi del ponte di Rialto, e che registra il progressivo spopolamento della città. Quando il contatore fu installato nel 2008, indicava che gli abitanti di Venezia erano 60.720. Oggi ha 53.000.

“Venezia finirà come Machu Picchu o come Pompei, trasformata in una destinazione turistica completamente disabitata, senza residenti” , predice Matteo Secchi, fondatore di Venessia.com. “Prima cadrà, ma poi toccherà a Roma, a Firenze, a Vienna, a Madrid, a Barcellona … O faremo qualcosa con il turismo o finirà per divorarci tutti”.

La domanda è cosa fare.

Matteo Secchi è chiaro: “Il mio sogno è quello di prendere su Venezia un organismo internazionale Noi, i Veneziani, sappiamo che non governa .. Venezia è patrimonio mondiale, il mondo non può permettersi di perdere questo gioiello. Pertanto, deve essere nelle mani di un’organizzazione sovranazionale come l’ONU “.

l fondatore di Venessia.com crede che questa agenzia avrebbe il coraggio di fare ciò che i successivi sindaci della città evitano da 20 anni fa ha iniziato a esplodere la bomba del turismo: stabilire un numerus clausus da cui la città lancia la chiusura e impedire a un’altra persona di entrare. “È esattamente lo stesso di quando faccio una festa a casa mia: se invito 20 amici ci divertiamo tutti, se invito 30 iniziamo ad avere un brutto momento e se 50 vengono presentati direttamente soffochiamo”, dice.

Secchi numero in 80.000 persone il numero massimo di persone che La Serenissima è in grado di ospitare un giorno. “Succede 10 volte l’anno, ma quelle dieci volte devi essere coraggioso e vicino”, dice.

Calcolare il numero di turisti che entrano a Venezia sarebbe possibile grazie ai geolocalizzatori mobili. E lo chiude anche: “Basta chiudere il ponte dove auto e treni entrano a Venezia e impedire a nuove navi di ormeggiare nel porto.

Tuttavia, il sindaco della città, Luigi Brugnaro , ha optato per un altro modo. Dopo l’anno scorso la sua idea di avviare un sistema di torni per controllare il flusso di turisti nel centro della città fallì, ha avuto un’altra idea: iniziare a caricare da questo stesso mese un ingresso (o “contributo di accesso “, come preferisce chiamarlo) tra 3 e 10 euro a tutti i visitatori che arrivano a Venezia e trascorrono in città solo poche ore.

Anche il famoso artista urbano Banksy ha denunciato la scorsa settimana il turismo di massa in città con una serie di tele che hanno formato l’immagine di un’enorme nave che invadeva Venezia e che ha esposto in incognito nella piazza San Marco prima di essere sfrattata per mancanza di permessi .

Un enorme transatlantico invade l’olio “Il Canal Grande da San Vío, Venezia”, ​​dipinto da Canaletto nell’anno 1723. ILLUSTRAZIONI: LUIS PAREJO

Ogni anno arrivano 25 milioni di turisti, 68.500 al giorno. Le peggiori previsioni sono che entro il 2025 ci potrebbero essere 38 milioni di visitatori e Venezia è alla ricerca di soluzioni mentre cerca di contenere il volo dei suoi vicini. “Questo è un parco divertimenti e lo sfrutteranno fino a quando non esploderà”

“Venezia è come mangiare un’intera scatola di cioccolatini al liquore allo stesso tempo,” disse Truman Capote, usando quella metafora per esprimere la dolce bellezza dell’ubriachezza che intossica chiunque passi sulla città dei canali. Il problema è che ce ne sono troppi che stanno abbuffando quei cioccolatini.

Le figure dell’empachio sono brutali. Venezia riceve circa 25 milioni di turisti all’anno nella sua area di 8,3 km ², circa 68.500 al giorno secondo la rigorosa media matematica . Ma potrebbero essere ancora di più: uno studio condotto da Jan Van Der Borg , professore di Economia del Turismo presso l’Università Ca ‘Foscari di Venezia, afferma che ci sono in realtà 77.000 visitatori, mentre i loro calcoli sono a 52.000 l’importo massimo che è in grado di supportare . E il numero non smette di crescere: si stima che nel 2025 raggiungeranno 38 milioni all’anno.

Quella selvaggia pressione turistica sta letteralmente uccidendo Venezia, la sta trasformando in una città fantasma, vuota, spogliata della vita oltre i turisti. La Serenissima , che negli anni ’50 contava 150.000 abitanti, da allora ha perso due terzi dei suoi vicini. La prova ovvia è nel bancone installato dall’organizzazione Venessia.com nella Farmacia Morelli, situata ai piedi del ponte di Rialto, e che registra il progressivo spopolamento della città. Quando il contatore fu installato nel 2008, indicava che gli abitanti di Venezia erano 60.720. Oggi ha 53.000.

“Venezia finirà come Machu Picchu o come Pompei, trasformata in una destinazione turistica completamente disabitata, senza residenti” , predice Matteo Secchi, fondatore di Venessia.com. “Prima cadrà, ma poi toccherà a Roma, a Firenze, a Vienna, a Madrid, a Barcellona … O faremo qualcosa con il turismo o finirà per divorarci tutti”.

La domanda è cosa fare.

Matteo Secchi è chiaro: “Il mio sogno è quello di prendere su Venezia un organismo internazionale Noi, i Veneziani, sappiamo che non governa .. Venezia è patrimonio mondiale, il mondo non può permettersi di perdere questo gioiello. Pertanto, deve essere nelle mani di un’organizzazione sovranazionale come l’ONU “.

Il fondatore di Venessia.com crede che questa agenzia avrebbe il coraggio di fare ciò che i successivi sindaci della città evitano da 20 anni fa ha iniziato a esplodere la bomba del turismo: stabilire un numerus clausus da cui la città lancia la chiusura e impedire a un’altra persona di entrare. “È esattamente lo stesso di quando faccio una festa a casa mia: se invito 20 amici ci divertiamo tutti, se invito 30 iniziamo ad avere un brutto momento e se 50 vengono presentati direttamente soffochiamo”, dice.

Secchi numero in 80.000 persone il numero massimo di persone che La Serenissima è in grado di ospitare un giorno. “Succede 10 volte l’anno, ma quelle dieci volte devi essere coraggioso e vicino”, dice.

Calcolare il numero di turisti che entrano a Venezia sarebbe possibile grazie ai geolocalizzatori mobili. E lo chiude anche: “Basta chiudere il ponte dove auto e treni entrano a Venezia e impedire a nuove navi di ormeggiare nel porto.

Tuttavia, il sindaco della città, Luigi Brugnaro , ha optato per un altro modo. Dopo l’anno scorso la sua idea di avviare un sistema di torni per controllare il flusso di turisti nel centro della città fallì, ha avuto un’altra idea: iniziare a caricare da questo stesso mese un ingresso (o “contributo di accesso “, come preferisce chiamarlo) tra 3 e 10 euro a tutti i visitatori che arrivano a Venezia e trascorrono in città solo poche ore.

Anche il famoso artista urbano Banksy ha denunciato la scorsa settimana il turismo di massa in città con una serie di tele che hanno formato l’immagine di un’enorme nave che invadeva Venezia e che ha esposto in incognito nella piazza San Marco prima di essere sfrattata per mancanza di permessi .

Secondo il capitano generale del porto, l’anno scorso sette di queste crociere gigantesche sono entrate ogni fine settimana. All’interno raggiungere quei turisti che visitano i punti principali della Serenissima gara (di solito dietro una guida che brandisce un ombrello colorato), inghiottendo un pezzo di pizza a secco in fondo alla strada (anche se è vietato mangiare in strada ), una lattina di soda seduti così camper sui gradini di una bevanda ponte, comprare un souvenir magnete del frigorifero, fare una sosta per fare pipì (se non urinare direttamente sulla strada) e ha completato la maratona, è Largan .

Quegli escursionisti, chiamati in Italia mordi e fuggi (touch and escape), sono la stragrande maggioranza: il 70%, secondo le cifre ufficiali. Ma lasciano pochi soldi: rappresentano solo il 30% del reddito che Venezia riceve dal turismo. In cambio, generano giganteschi agglomerati e suppongono un’enorme spesa per le casse pubbliche. “Solo la pulizia del centro storico, che viene effettuata quotidianamente a mano da spazzini con carrelli, costa 30 milioni di euro all’anno, un costo che ora ricade sui cittadini”, giustifica Brugnaro. “I soldi che verranno raccolti con il” contributo del reddito “saranno utilizzati per pagarlo”

Nicola Ussardi , membro dell’Assemblea sociale per la Camera, respinge categoricamente questo piano. “E ‘ come pagare l’ingresso a Disneyland, un parco a tema: non si fermerà a venire gente quel tasso, che più di tasso sembra la carità , dice il portavoce di un gruppo che promuove accovacciata in case abbandonate per trattare per rallentare il progressivo spopolamento di Venezia. Sono già stati lanciati in 70 case vuote.

Perché questo è uno degli effetti del gigantesco afflusso di turisti che sostiene Venezia: il forte aumento dei prezzi degli alloggi in affitto . Ussardi, sposato e con due figli, lavora in un negozio di souvenir (qui pochi sono quelli che non vivono nel turismo) e ha uno stipendio di circa 1.200 euro al mese. “Ma con quello non posso vivere in affitto con la mia famiglia”, si lamenta.

L’affitto medio per un appartamento di 40 m² è di circa 650 euro al mese. E se sono 75 metri abbiamo messo tra 900 e 1.200 euro. Quindi Ussardi e la sua famiglia vivono sugli squat. “All’inizio le persone accovacciate qui a Venezia erano povere, senza mezzi”, dice. “Ora, gente della classe media che ha perso il lavoro da un giorno all’altro e non può continuare a pagare l’affitto”.

Non è un caso che La Serenissima sia la prima città italiana in affitto per le vacanze attraverso la piattaforma Airbnb. “Abbiamo cercato di bloccarli, ma non siamo stati in grado di combattere contro Airbnb è come combattere contro Coca-Cola: impossibile “, ammette il fondatore di Venessia.com.

Nella città dei canali ci sono 15.000 case pubbliche, secondo i dati ufficiali del 2017. Ma 2000 di queste case rimangono vuote. Sono in cattive condizioni e nelle casse pubbliche non ci sono soldi per condizionarli. L’Assemblea sociale per la Camera ha un piano che è già stato presentato alle autorità della città: creare una cooperativa, ripristinare queste case popolari e affittarle per un periodo massimo di 15 o 20 anni. Per ora, hanno solo ricevuto il silenzio in risposta.

Ussardi ha anche le sue idee su come regolare il turismo a Venezia: “È molto semplice: si tratta di istituire un sistema di prenotazione per visitare la città, sarebbe una prenotazione gratuita che verrebbe effettuata online . Una volta raggiunta la quota massima, non sono consentite ulteriori riserve “.

Ussardi ritiene che il numero massimo di turisti che dovrebbe essere consentito al giorno sia 50.000. Cioè: un turista per abitante. “Il rischio che Venezia diventi una città morta esiste e il punto di non ritorno è molto vicino”, si lamenta. “Stiamo uccidendo Venezia, stiamo dando il colpo di grazia. La più grande colpa è dei successivi sindaci e politici, che non solo non hanno fatto nulla per controllare il turismo, ma viceversa: hanno autorizzato l’ingresso di più crociere, l’apertura di negozi di souvenir più schifosi, più stabilimenti di cibo spazzatura, ma è anche colpa nostra, dei veneziani, che abbiamo concentrato la nostra vita sul turismo, specialmente sul turismo malandato “.

Da parte sua, Matteo Secchi incolpa le lobby che “vogliono fare soldi velocemente” e non si preoccupano del futuro della città. “Se la tendenza attuale continuerà, in 30 anni la città sarà completamente spopolata, sarà una città morta”, dice. Doveva essere 20 anni fa, perché i veneziani che se ne sono andati non torneranno. Sono un’eccezione: sono andato a Mestre nel 2000 perché qui a Venezia non potevo pagare un affitto con il mio stipendio, ma sono tornato nel 2004. “

Naturalmente, il fondatore di Venessia.com si guadagna da vivere come portiere notturno in un hotel. “Qui un architetto o un ingegnere non riesce a trovare lavoro”, egli critica. ” Questo è un parco di divertimenti per turisti A Venezia, al di là della politica, le uniche professioni che esistono sono cameriere o impiegato, non voglio che Venezia abbia di nuovo l’industria, ma almeno tecnici, uffici … Ma io sono pessimista, non credo che ciò che è necessario fare per salvare Venezia dalla morte sarà fatto, è diventata l’oca che depone le uova d’oro e continuerà a sfruttarla fino a quando non scoppierà “.

Lascia un commento