Indovina la foto misteriosa

Le migliori della settimana

La foto della settimana

Perché Venessia.com

Download

Link


 


 
VENEZIA E' CARA?
Dì la tua...
 
Espressioni dialettali veneziane. Piccola raccolta delle parolacce.

Termini comuni che non si usano più. O quasi.

Modi di dire

Dizionario veneziano-inglese

 

Leggende di ieri

Leggende di oggi

La leggenda del poaro fornareto

 
Poesie, racconti, esperienze veneziane...tutto quello che vi passa per la testa. Inviatemi quello che volete, magari con una vostra foto, e io pubblicherò tutto qui

Ristoranti, pizzerie, locali giusti, bacari, bar... Scrivete i vostri locali preferiti e leggete quello che hanno detto gli altri

 
Le feste di Venessia.com

Una bici per Luigi. Iniziative di Venessia.com.

La seconda bici per Luigi...

Venessian in Australia

 

VènetoRing

Indŕo | Lista dei siti | Stat́steghe | Xóntite | Sito a caxo  | Vanti

 
Veneziani d.o.c.: questi sono i veneziani che a torto o a ragione sono considerati i più invidiati a Venezia. Comunque caratteristici.

I gondolieri

I tassisti

Gli abusivi

Quelli delle bancarelle

Gli intromettitori

Altri veneziani:

I portabagagli

I venditori di
grano per i piccioni

I cantanti delle serenate in gondola

I veneziani comuni

I vigili

Sbarbai

 

Colombi

Gatti

Flora & fauna

 

Lido

Chioggia

Pellestrina

Mestre

Marghera

 

 

I venditori di granoturco

Erano circa una decina e lavorano solo per mezza giornata: dalle 9 all’una e dall’una al tramonto del sole e cioè quando i colombi non hanno più appetito e vanno a letto come le galline. Vendono granoturco in sacchetti di carta con stampati dei consigli su dove gettarli una volta svuotato nel gargarozzo del colombo i circa 300 chicchi di grano inseriti a mano con lenti gesti antichi.

Sono i venditori di grano turco: gli unici che hanno il permesso di dar da mangiare ai colombi di piazza S. Marco e anche di vendere il mangiare, cosa proibitissima agli altri comuni mortali. E’ infatti proibito dar da mangiare ai colombi (se non in questo modo) a Venezia pena un multa salata. Non sono stati loro a promuovere questa normativa ma i politici di casa nostra che giustamente non vogliono che i loro escrementi vadano a corrodere i preziosi marmi.

Vanno d’accordo tra di loro? Guadagnano o fanno la fame? Sono una bella compagnia fatta di persone che parlano di cose allegre, di cose importanti ma che dopo sfociano in cose allegre, di cose effimere e che guadagnano quanto basta a vederli felici anche sotto il sole cocente o in mezzo all’acqua alta. Che rapporto hanno i venditori di granoturco con i loro amici pennuti? Sicuramente un buonissimo rapporto fatto di brevi discorsi rassicuranti tra bestie e uomo; delle specie di pacche sulle spalle per dire a loro di portare pazienza che prima o dopo colui che comprerà il sacchetto sfamerà lui e tutti i suoi simili. Un particolare: preferiscono i colombi bianchi o quelli diversi dal solito nero. Infatti, se in giro ci sono colombi di quel genere lì, con il bastoncino fanno volare i neri con la faccia seria seria dicendo loro di scostarsi per far mangiare i bianchi. I bianchi sono in minoranza e quindi devono essere protetti (...?). Non ci credete? Sopportano anche la puzza del guano che inevitabilmente permea la piazza S. Marco nei giorni di umido, per non parlare dei svolazzamenti dovuti al una picchiata di gruppo dopo che l'ignaro turista si fa cadere il sacchettino del grano dalle mani lì vicino: aria, scontri con i pennuti, penne e piume perse che sembra abbiano rotto un cuscino di piume d'oca.

Tanto attaccati sono con i colombi, tanto sono violenti con le persone che li molestano. Infatti molti giovani, quando si accorgono quanto sono stupidi (i colombi, no?) tanto prima ne approfittano per prenderne uno e lanciarlo per aria per poi vederlo fuggire impaurito, altrimenti li si prende per la coda e si ride a crepapelle quando la coda resta in mano come i capelli di uno con l’alopecia incipiente. Altro scherzo: lanciare il grano addosso alle ragazze per vederle subito eclissate dal mucchio nero affamato. Quando i venditori di granoturco si accorgono delle angherie fatte ai loro amici si assistono allora a delle scene tipo “baruffe ciosote”: armati con il bastoncino che normalmente tiene a bada i colombi corrono dietro ai ragazzi bestemmiando come iene brandendolo irosi. Corrono, corrono ma si fermano sempre dopo una ventina di metri. I ragazzi prima sono impauriti, poi sorridono seri (se in giro ci sono ragazze ridono di più). Se piove vendono lo stesso sistemandosi sotto l’ombrello in dotazione, se c’è acqua alta vendono lo stesso mettendosi gli stivali in dotazione, a 40° all’ombra vendono lo stesso sistemandosi sotto l’ombrello sempre in dotazione. Qualcuno anni fa ha proposto di non farli più lavorare perché dar da mangiare ai colombi si scontra con la volontà di eliminare i colombi scagazzatori ma tutto è svanito come neve al sole. Ora come sempre a Venezia i veneziani hanno sempre una voce in capitolo contro i politici.


Imbarcazioni caratteristiche. A Venezia tutti dicono "ostregheta" e vanno tutti quanti in gondola. Invece l'imbarcazione tipica di Venezia sarebbe...

Muoversi a Venezia. Un tentativo di raccontare i vari personaggi che compongono l' allegra compagnia del trasporto pubblico a Venezia.
Tecniche per usufruire al meglio il vaporetto a Venezia

Miti culinari dei veneziani. Quali sono veramente i cibi e le bevande tipiche che il veneziano consuma quotidianamente

Come si veste il veneziano nel nuovo millennio

Cichéti & bàcari: molto ci sarebbe da scrivere. Accontentatevi di questo

Souvenir: Vivisezione di alcuni tipici oggetti ricordo che ognuno nella nostra vita ha comperato nella classica gita a Venezia

Le mete turistiche preferite dai veneziani

Soprannomi dei gondolieri

Saggezza popolare o ignoranza e basta? Metodi antichi per regolarsi senza le medicine odierne ma solo con l'esperienza dei vecchi. Tutto è tratto da un libretto del 1878 di G.B.Bernoni della Filippi editore di Venezia. Il testo è in dialetto ma io l' ho tradotto e sintetizzato in italiano

Il profumo di Venezia

Foto dall'alto

 

Sesso in piazza S. Marco. In "piazza" non si è solo colpiti dalle bellezze architettoniche ma anche dalla presenza femminile che si mette in bella mostra

Turisti: Come in altre città d'arte, il turista viene classificato ed etichettato. Breve commento e classifica antipatia

Extracomunitari: indagine comportamentale

Canzoni tipiche veneziane: le canzoni delle serenate

"Piere sbuse". Mistero e pettegolezzo di quelle pietre con il buco al centro che sporgono in certi palazzi veneziani.

Arrivo a Venezia da Mestre con l'auto

Cronaca di una mattina di mezza estate

Cronaca di una gita in barca sul Canal Grande

Cronaca di una partenza da S. Marco per Punta Sabbioni

Arrivo a Venezia dal mare

Miserie marciane

Ada

Moony Witcher

Sindaco!

RRR

 

Carnevale 2004

Carnevale 2005

Carnevale 2005. Le foto

Il volo della Carolina

Redentore

La Regata delle Befane

S. Martino

Madonna della Salute

Test del moto ondoso. Un problema di Venezia. Classifica della fretta. Commento.

Acqua alta a Venessia: uso degli stivali

Neve

Ricette venessiane tipiche. Da stampare e attaccare in cucina mentre le preparate

Il leone di S. Marco. Storia della nostra bandiera

Leoni marciani

Segnali marini

Cosa fare in laguna?

Le gobbe di Venezia

Giuochi: quelli che si facevano una volta. E di adesso...

Piccola raccolta di ninna nanne e filastrocche

Verbi

Calcio: settore giovanile

 
 
 
     
 
Dal maggio del 2000 - Venessia.com