Indovina la foto misteriosa

Le migliori della settimana

La foto della settimana

Perché Venessia.com

Download

Link



 
VENEZIA E' CARA?
Dì la tua...
 
Espressioni dialettali veneziane. Piccola raccolta delle parolacce.

Termini comuni che non si usano più. O quasi.

Modi di dire

Dizionario veneziano-inglese

 

Leggende di ieri

Leggende di oggi

La leggenda del poaro fornareto

 
Poesie, racconti, esperienze veneziane...tutto quello che vi passa per la testa. Inviatemi quello che volete, magari con una vostra foto, e io pubblicherò tutto qui

Ristoranti, pizzerie, locali giusti, bacari, bar... Scrivete i vostri locali preferiti e leggete quello che hanno detto gli altri

 
Le feste di Venessia.com

Una bici per Luigi. Iniziative di Venessia.com.

La seconda bici per Luigi...

Venessian in Australia

 

VènetoRing

Indŕo | Lista dei siti | Stat́steghe | Xóntite | Sito a caxo  | Vanti

 
Veneziani d.o.c.: questi sono i veneziani che a torto o a ragione sono considerati i più invidiati a Venezia. Comunque caratteristici.

I gondolieri

I tassisti

Gli abusivi

Quelli delle bancarelle

Gli intromettitori

Altri veneziani:

I portabagagli

I venditori di
grano per i piccioni

I cantanti delle serenate in gondola

I veneziani comuni

I vigili

Sbarbai

 

Colombi

Gatti

Flora & fauna

 

Lido

Chioggia

Pellestrina

Mestre

Marghera

 

 

Le ricette "magre" di Nono Gigio


www.gigiozanon.com

 

Pasta e fasioli co i penini e polenta fasiolada

Se i fagioli sono freschi, si fanno subito, se sono secchi:
lavare sotto l’acqua fresca un kilo di fagioli di Lamon, in una pignatta si metono i fagioli ben coperti d’acqua, quindi si mette assieme un grossa cipolla, una carota una costa di sedano, un rametto di rosmarino legato con due foglie di salvia.
Si lasciano a mollo almeno 12 ore, coprendoli.

Lasciandoli nella loro acqua e con le verdure si cuociono, aggiungendo un etto di lardo con la vena di magro, tagliato a dadetti, salare e pepare. Se si vuole si può aggiungere anche una bella codega di maiale e un dado da brodo e anche un pomodoro intero.
Niente patate!

Intanto si saranno sbollentati un paio di penini di maiale, affinchè perdano parte del loro grasso, e si mettono nella pentola dei fagioli a metà cottura.

A questi punto bisogna togliere una parte dei fagioli e della loro acqua e metterli su un’altra pentola a caldiera.
Quando riprendono il bollore, si getta la farina da polenta a pioggia e si mescola continuamente fino a che sia cotta e che i fagioli si siano del tutto spappolati diventando un purè.
Per migliorare la polenta fasiolada, si può scadare a parte un po’ di lardo e aggiungerlo alla fine.
Par compagnarla, ghe vorave o do bele fete de sopressa de casada, o do o tre luganeghe bele fresche e cote intiere, dopo averle spunciae accio chè le perda uns s-cianta de seo. Mejo se cusinandole se ghe sonta na sprussada de aseo.

(roba da centomila calorie, ma bona e sostansiosa!!)

 

PESSE IN SAOR COME KE SE COSTUMA A VENEXIA

(xe a la maniera de Ciosa ke no se ghe mete l’ueta e i pignoli: là i zera poareti, e kuà, invesse, signori… Pensè ke a Ciosa, sicome no i gaveva i bessi par mumificarlo, i gà messo el vescono in saor par mantegnerlo….)

Par sie persone de la me stassa (180 chili ndS).

3 kili de sardele o de passarini, ke desso se stajon de fraima e se i trova bei pieni.
3 kili de çevole, mejo se quele rosse o el scalogno.
1 eto de uveta sultanina
1 eto de pignoi
1 dado da brodo vegetal
2 broke de garofano
2 spigoli de ajo
1 foja de lavrano
1 bossa de aseo bianco ( se no el saor deventa massa scuro)
olio par frisar, mejo se el xe missià col struto: el xe più lesiero.

Se taja le çevole a fetine sutili e se le mete in te na tecia co do scugieri de ojo e i do spigoli de ajo, el dado vegetal, el lavrano e se lassa ke le se imbiodissa e le se suga. Ko le gà butà fora la so l’aqua, se ghe zonta le do broke de garofano, se ghe mete l’uveta e i pignoli; ko le se gà ben amalgamà se buta l’aseo: minimo mezo litro, co fa ke le se coversa. Asagee se le va ben de sal e de pevare. L’ideal sarìa de metarghe un toketo de peperoncino…, ma no a tuti el ghe fa…
Se le lassa cusinar fin che le çevole no le deventa trasparenti. Ghe vorave almanco una ora, par farlo bon. E se el xe massa suto, se ghe zonta aseo missià ko na s-cianta de aqua.

Intanto se gavarà netà le sardele o i passarini de teste e de buelo.
Se li frise in tel’ ojo beo caldo e kol struto. El pesse frito, ko el xe pronto, el ciama s-ciokisando.

In te na tarina bea granda (nel tanto, ghe sta anka el poko…) se mete soto un strato de çevole, po uno de pesse, uno de çevole e uno de pesse, cussì via fin ke no ghe ne xe più.
Soravia de tuto, se ghe zonta na cassa de l’ojo de la fritura.
Se coverse tuto, e se lo lassa da parte a temperatura ambiente.

Tuto sto servissio se lo fa de mercore.

Al zioba se ghe dà na ociada par vedar ke non sia massa suto (el pesse assorbe el liquido). In sto kaso se scalda un goto de aseo co un fià de l’ojo vansà da la fritura.
Al venare: istesso.

Al sabo se pol scominsiar a … vedar se va ben de sal…..

No ste bevar vin col saor, parkè no sentiressi gnanka el gusto né del vin né del saor. Ve refarè dopo….

 

E sardee salae

Adesso scominsia la stajon de fraima, e taca rivar el pesse in pescaria.
Se el momento de pareciarghene un poco par l'invernada.

Alora scominsiemo a salar le sardele par far aciughe e bigoli in salsa.
NO SE GA DA LAVARLE, GNANKA IN PESCARIA! No steve procupar del sporco ke eventualmente le gà: el sal purifica tuto!
Intanto bisogna spetar ke ghe sia la luna in cressar e che el tempo sia suto: kol calar de luna e co l'umidità se ris-cia ke le se inmarsisa, pur se xe difisile...
Ghe vola sal grosso de mar e no mineral.

Tolè na tarina - l'ideal saria se la fusse de legno - e ghe metè sul dondo na manada de sal, de sora ghe metè un strato de sardele messe in fianko l'una de staltra e una da testa e una da pie. Pò un bel pugno de sal a coverserle.Nantro strato de sardele, ma messe in croze sora stantre e ne la stessa maniera, po un staro de sal. E via cussì fin ke gavè finio le sardele, coversì ben ben de sal. Sora de tuto ghe metè un bel peso par tegnir fracà ben tuto e ke gabia da coversar tuto. Ogni dò dì, ghe cavè l'acqua ke le spua fora, e via cussì fin ke no le ghe ne spua più. Più ke le lassè là, più le se sala.

Ko se gà da magnarle se ghe ne cava quele ke ocore e se le mete a bagno maria ne laqua fresca almanco 3 o 4 ore; dopo se le neta, se ghe cava la testa e le buele, se le sina e se ghe cava le sbarbatole da la pansa e da la schiena, fin ke ve resta do bei fileti.

A sto punto o le coversì de ojo bon, o scominsiè a parciarle par la cotura come ke volè.


“SALTINBOCA” DE L’AQUILA NERA

1 e ½ kg di carne di manzo macinata, 1 pugno di formaggio grana grattuggiato, tre uova, noce moscata macinata, pepe sale e pane grattuggiato quanto basta.
Impastare bene tutto, quindi fare delle palle con l’impasto e passarle nel pan grattato.
Mettere in un tegame i vaso da 3 kili di pomodori pelati, ma prima mettere uno spicchio di aglio e una cipolla tritata ad imbiondire.
Nel solito uovo forato mettere tre chiodi di garofano e un pezzetto di cannella in canna, metterlo nel pomodoro, portarlo a scaldare q uindi mettere dentro la polpette di carne, salare a pepare.
Cucinare a fuoco vivace per mezza ora, servire le polpette calde.

Alle volte si servivano tre polpette con il sugo e un piatto di spaghetti, come piatto unico.


 

Vanti>>


Imbarcazioni caratteristiche. A Venezia tutti dicono "ostregheta" e vanno tutti quanti in gondola. Invece l'imbarcazione tipica di Venezia sarebbe...

Muoversi a Venezia. Un tentativo di raccontare i vari personaggi che compongono l' allegra compagnia del trasporto pubblico a Venezia.
Tecniche per usufruire al meglio il vaporetto a Venezia

Miti culinari dei veneziani. Quali sono veramente i cibi e le bevande tipiche che il veneziano consuma quotidianamente

Come si veste il veneziano nel nuovo millennio

Cichéti & bàcari: molto ci sarebbe da scrivere. Accontentatevi di questo

Souvenir: Vivisezione di alcuni tipici oggetti ricordo che ognuno nella nostra vita ha comperato nella classica gita a Venezia

Le mete turistiche preferite dai veneziani

Soprannomi dei gondolieri

Saggezza popolare o ignoranza e basta? Metodi antichi per regolarsi senza le medicine odierne ma solo con l'esperienza dei vecchi. Tutto è tratto da un libretto del 1878 di G.B.Bernoni della Filippi editore di Venezia. Il testo è in dialetto ma io l' ho tradotto e sintetizzato in italiano

Il profumo di Venezia

Foto dall'alto

 

Sesso in piazza S. Marco. In "piazza" non si è solo colpiti dalle bellezze architettoniche ma anche dalla presenza femminile che si mette in bella mostra

Turisti: Come in altre città d'arte, il turista viene classificato ed etichettato. Breve commento e classifica antipatia

Extracomunitari: indagine comportamentale

Canzoni tipiche veneziane: le canzoni delle serenate

"Piere sbuse". Mistero e pettegolezzo di quelle pietre con il buco al centro che sporgono in certi palazzi veneziani.

Arrivo a Venezia da Mestre con l'auto

Cronaca di una mattina di mezza estate

Cronaca di una gita in barca sul Canal Grande

Cronaca di una partenza da S. Marco per Punta Sabbioni

Arrivo a Venezia dal mare

Miserie marciane

Ada

Moony Witcher

Sindaco!

RRR

 

Carnevale 2004

Carnevale 2005

Carnevale 2005. Le foto

Il volo della Carolina

Redentore

La Regata delle Befane

S. Martino

Madonna della Salute

Test del moto ondoso. Un problema di Venezia. Classifica della fretta. Commento.

Acqua alta a Venessia: uso degli stivali

Neve

Ricette venessiane tipiche. Da stampare e attaccare in cucina mentre le preparate

Il leone di S. Marco. Storia della nostra bandiera

Leoni marciani

Segnali marini

Cosa fare in laguna?

Le gobbe di Venezia

Giuochi: quelli che si facevano una volta. E di adesso...

Piccola raccolta di ninna nanne e filastrocche

Verbi

Calcio: settore giovanile

 
 
 
     
 
Dal maggio del 2000 - Venessia.com