Indovina la foto misteriosa

Le migliori della settimana

La foto della settimana

Perché Venessia.com

Download

Link



 
VENEZIA E' CARA?
Dì la tua...
 
Espressioni dialettali veneziane. Piccola raccolta delle parolacce.

Termini comuni che non si usano più. O quasi.

Modi di dire

Dizionario veneziano-inglese

 

Leggende di ieri

Leggende di oggi

La leggenda del poaro fornareto

 
Poesie, racconti, esperienze veneziane...tutto quello che vi passa per la testa. Inviatemi quello che volete, magari con una vostra foto, e io pubblicherò tutto qui

Ristoranti, pizzerie, locali giusti, bacari, bar... Scrivete i vostri locali preferiti e leggete quello che hanno detto gli altri

 
Le feste di Venessia.com

Una bici per Luigi. Iniziative di Venessia.com.

La seconda bici per Luigi...

Venessian in Australia

 

VènetoRing

Indŕo | Lista dei siti | Stat́steghe | Xóntite | Sito a caxo  | Vanti

 
Veneziani d.o.c.: questi sono i veneziani che a torto o a ragione sono considerati i più invidiati a Venezia. Comunque caratteristici.

I gondolieri

I tassisti

Gli abusivi

Quelli delle bancarelle

Gli intromettitori

Altri veneziani:

I portabagagli

I venditori di
grano per i piccioni

I cantanti delle serenate in gondola

I veneziani comuni

I vigili

Sbarbai

 

Colombi

Gatti

Flora & fauna

 

Lido

Chioggia

Pellestrina

Mestre

Marghera

 

 

Moto ondoso

Moto ondoso: un moderno flagello. L'azione dell'acqua mossa innaturalmente dalle imbarcazioni "gratta" le fondamenta dei nostri preziosi monumenti. Studi e controstudi miliardari hanno fatto si che l'amministrazione comunale, a salvaguardia di Venezia, abbia emesso un'ordinanza dove vengono resi noti i limiti di velocità che si devono rispettare nella laguna perché non si vengano a formare le famigerate onde.

 

Per non complicare più di tanto la vita a tutti si è deciso che:

nei canali interni limite dei 5 km/h

bacino di S. Marco e altre zone calde gli 11 km/h

Altre zone, rare, meno "calde" i 20 km/h

Nel mio piccolo ho fatto un piccolo e semplice test fotografandomi l'onda a poppa della mia barchetta di l.f.t. 5,10 m.

 

Nelle 2 foto che vedete noterete la differenza che fa andare agli 11 (velocità consentita) e ai 40 (velocità illegale). Non dico niente di nuovo a nessuno, tutti sanno che in velocità di planata si fa meno onda.

Proposta: nei canali interni la città 5 km/h per tutti e nelle altre zone velocità ridotta solo per le grosse imbarcazioni (come per i camion in terraferma). Solo per i piccoli natanti (entro i 6 m) una velocità di 25-30 km/h con l'accortezza di abbassare la manetta all'incrocio con altri. Normalmente tutti lo fanno già per non fare salti. Una specie di abbassare gli abbaglianti quando si incrocia un'altro autoveicolo nella strada.

Aumentare la velocità ai barchini così tutti ne approfittano e corrono come matti? La mia esperienza personale mi dice che limitare in modo drastico come si fa adesso la velocità offre un motivo in più ad "essere contro". E' ridicolo andare agli 11 km/h tra il forte di S. Andrea e le bocche di porto dove non ci sono monumenti da salvaguardare se non i "murassi", per non parlare di moltissime altre zone. Si rovina l'ecosistema? (...)

 

Importi previsti per le infrazioni di eccesso di velocità e per moto ondoso.

Dai 150 € ai 500 € e pena aumentata se recidivi. In certi casi si può essere perseguiti anche penalmente. Proposte recenti: limitare la cilindrata dei motori per tutti.

 

Cronaca e commento di una mattina al molo.

Una mattina qualsiasi al molo di S. Marco. 40 gondole coperte dal loro telo blu e sfondo del bacino. Un telo bianco steso sulle paline dice: "moto ondoso=olocausto". Bene, rispettiamo i limiti e tutto è a posto. Questa zona è una zona calda per il problema del moto ondoso.

L'atro giorno, ho una bancarella di souvenir proprio là di fronte, ho osservato per ore chi provocava o chi non provocava il famigerato "flagello". Le gondole si sono comportate come altalene. Eppure non era passata nessuna imbarcazione nelle vicinanze. Le gondole, si sa, hanno il fondo piatto, sono lunghe e dentro ci si deve comportare come quando si sale in canoa stando quindi attenti a come ci si muove. I gondolieri, infatti, sono dei veri maestri d'equilibrio che, perdonate la diversione, sono stati per anni scelti dal doge come funamboli nell'occasione del carnevale quando c'era in uso camminare sulla corda tesa tra il campanile e il palazzo ducale.

Osservando il movimento delle onde che si scontravano sulle gradinate del molo mi è venuto in mente quando si guarda il mare dalla riva di una spiaggia: anche in assenza di vento le onde fanno i suoi ricci e provocano il loro caratteristico rumore nell'infrangersi. Eppure non passano imbarcazioni.

Non dico con questo che non esiste il moto ondoso in bacino di S. Marco. Il fatto è che io non ho speso niente per osservare, meditare sulle onde e trarne qualche conclusione. Anche se adesso non ci sono i "pericolosi" Granturismo, la vita a Venezia va avanti e ci sono sempre i taxi, i vaporetti e le grosse imbarcazioni da trasporto che mescolano l'acqua (e anche meno controlli). Tutti, in quella zona, mantengono una velocità bassa (e chi si sognerebbe andare più forte se si è sotto l'occhio del ciclone?). Come si mantiene una velocità bassa quando si percorrono i piccoli canali interni, infatti, se corri un po' di più hai il rischio di incontrare sempre qualche imbarcazione e sbatterci contro. Dove si corre allora? E chi corre soprattutto? Certamente le forze dell'ordine utilmente o inutilmente. E se non corrono è perché controllano.

La lotta contro il moto ondoso, come altri mille problemi, si combatte solo con il buon senso e il rispetto reciproco. Ma anche con l'amore per la propria città. E' come fare la pipì in vasca da bagno e lamentarsi, poi, che c'é la pipì nell'acqua. Se si vuole avere il piede di piombo contro gli eventuali trasgressori ai limiti allora si deve ricorrere a barche anonime con agenti in borghese tipo quando la finanza cala sui commercianti. E allora si avrà più paura del babau.

 

Classifica della fretta.

Qui sotto ho stilato una umilissima classifica dove si vedono le imbarcazioni alla prese con la fretta. Siccome il moto ondoso che provocano sconvolge il delicato equilibrio dei monumenti , i nostri veneziani devono fare i conti con la polizia, i carabinieri, la guardia di finanza , la capitaneria e chi più ne ha più ne metta, qual' ora navigassero ai 7 invece che ai 6 chilomerti orari, ai 12 invece che ai 11. La classifica racconta come si comportano le varie categorie se, con occhi degni di un rapace, vedono che non c'è nessuna barca che li controlla. Logicamente ai primi posti vediamo che proprio gli organi addetti al contollo sono quelli che viaggiano più veloci sia se sono in servizio urgente o no mettendo in pericolo tutte le barche che si trovano nelle immediate vicinanze.

  1. caparozzolari
  2. finanzieri & capitaneria di porto
  3. polizia
  4. carabinieri
  5. vigili del fuoco & idroambulanze
  6. imbarcazioni "granturismo"
  7. taxi
  8. "barchini"
  9. barche normali e/o barche appartenenti a persone che vengono dalla terraferma
  10. gondole
  11. anziani su sandolino



Nuovi accorgimenti per il moto ondoso nei rii


Dopo la classica gita in gondola

 

Moto ondoso
Foto di Christian F.

Clicca sulle foto per ingrandirle

 


Imbarcazioni caratteristiche. A Venezia tutti dicono "ostregheta" e vanno tutti quanti in gondola. Invece l'imbarcazione tipica di Venezia sarebbe...

Muoversi a Venezia. Un tentativo di raccontare i vari personaggi che compongono l' allegra compagnia del trasporto pubblico a Venezia.
Tecniche per usufruire al meglio il vaporetto a Venezia

Miti culinari dei veneziani. Quali sono veramente i cibi e le bevande tipiche che il veneziano consuma quotidianamente

Come si veste il veneziano nel nuovo millennio

Cichéti & bàcari: molto ci sarebbe da scrivere. Accontentatevi di questo

Souvenir: Vivisezione di alcuni tipici oggetti ricordo che ognuno nella nostra vita ha comperato nella classica gita a Venezia

Le mete turistiche preferite dai veneziani

Soprannomi dei gondolieri

Saggezza popolare o ignoranza e basta? Metodi antichi per regolarsi senza le medicine odierne ma solo con l'esperienza dei vecchi. Tutto è tratto da un libretto del 1878 di G.B.Bernoni della Filippi editore di Venezia. Il testo è in dialetto ma io l' ho tradotto e sintetizzato in italiano

Il profumo di Venezia

Foto dall'alto

 

Sesso in piazza S. Marco. In "piazza" non si è solo colpiti dalle bellezze architettoniche ma anche dalla presenza femminile che si mette in bella mostra

Turisti: Come in altre città d'arte, il turista viene classificato ed etichettato. Breve commento e classifica antipatia

Extracomunitari: indagine comportamentale

Canzoni tipiche veneziane: le canzoni delle serenate

"Piere sbuse". Mistero e pettegolezzo di quelle pietre con il buco al centro che sporgono in certi palazzi veneziani.

Arrivo a Venezia da Mestre con l'auto

Cronaca di una mattina di mezza estate

Cronaca di una gita in barca sul Canal Grande

Cronaca di una partenza da S. Marco per Punta Sabbioni

Arrivo a Venezia dal mare

Miserie marciane

Ada

Moony Witcher

Sindaco!

RRR

 

Carnevale 2004

Carnevale 2005

Carnevale 2005. Le foto

Il volo della Carolina

Redentore

La Regata delle Befane

S. Martino

Madonna della Salute

Test del moto ondoso. Un problema di Venezia. Classifica della fretta. Commento.

Acqua alta a Venessia: uso degli stivali

Neve

Ricette venessiane tipiche. Da stampare e attaccare in cucina mentre le preparate

Il leone di S. Marco. Storia della nostra bandiera

Leoni marciani

Segnali marini

Cosa fare in laguna?

Le gobbe di Venezia

Giuochi: quelli che si facevano una volta. E di adesso...

Piccola raccolta di ninna nanne e filastrocche

Verbi

Calcio: settore giovanile

 
 
 
     
 
Dal maggio del 2000 - Venessia.com