Indovina la foto misteriosa

Le migliori della settimana

La foto della settimana

Perché Venessia.com

Download

Link



 
VENEZIA E' CARA?
Dì la tua...
 
Espressioni dialettali veneziane. Piccola raccolta delle parolacce.

Termini comuni che non si usano più. O quasi.

Modi di dire

Dizionario veneziano-inglese

 

Leggende di ieri

Leggende di oggi

La leggenda del poaro fornareto

 
Poesie, racconti, esperienze veneziane...tutto quello che vi passa per la testa. Inviatemi quello che volete, magari con una vostra foto, e io pubblicherò tutto qui

Ristoranti, pizzerie, locali giusti, bacari, bar... Scrivete i vostri locali preferiti e leggete quello che hanno detto gli altri

 
Le feste di Venessia.com

Una bici per Luigi. Iniziative di Venessia.com.

La seconda bici per Luigi...

Venessian in Australia

 

VènetoRing

Indŕo | Lista dei siti | Stat́steghe | Xóntite | Sito a caxo  | Vanti

 
Veneziani d.o.c.: questi sono i veneziani che a torto o a ragione sono considerati i più invidiati a Venezia. Comunque caratteristici.

I gondolieri

I tassisti

Gli abusivi

Quelli delle bancarelle

Gli intromettitori

Altri veneziani:

I portabagagli

I venditori di
grano per i piccioni

I cantanti delle serenate in gondola

I veneziani comuni

I vigili

Sbarbai

 

Colombi

Gatti

Flora & fauna

 

Lido

Chioggia

Pellestrina

Mestre

Marghera

 

 

Cosa fare in laguna?

 

La laguna è romantica o sembra solo una cosa di brutto colore e puzzolente? Chi va in laguna? Chi ci lavora? Chi ci mangia? Ma cos'é la laguna? Vi lascio questo link sull'altro mio sito per mostrarvi che cos'é la laguna ma qui voglio dare un umile consiglio su cosa si può fare in laguna. Pescare? Visitare le isole? Andare a caccia di reperti archeologici? Ricercare posti per fare all'amore? Mangiare e bere? Zone per praticare il satanismo? Posti ameni per leggersi in pace un libro? Uccidersi? Non tentate qualcosa di diverso: qui si è fatto di tutto. Non necessariamente serve la barca propria, basta anche il vaporetto. Anche se la barchetta a fondo piatto o una a remi può essere la soluzione migliore.


Leggersi un libro

Leggersi un libro da soli o in compagnia. In barca, se ci sono un po' d'onde, può far venir voglia di vomitare quindi il posto più adatto sembra proprio un'isola tipo Certosa dove si può ormeggiare la propria barca (posti ce ne sono) e starci in santa pace col cappello in testa. Sempre con la vostra barca: l'isola di La Cura vicino a Torcello. Altro posto consigliabilissimo è il faro di Punta Sabbioni, sugli scogli con, magari, un po' di vino rosso a farci compagnia. Motonave, quindi, da S. Marco per punta Sabbioni e in 40 minuti si arriva, si scende e ci si dirige a destra fino al faro. Non vi voglio elencare altri posti perché tutti sarebbero posti validi se il periodo scelto è quello che non sia il periodo estivo dove le barche le puoi trovare ad ogni angolo.

Posti ideali per fare all'amore

In barca molti lo fanno. Ma se uno ha una voglia matta può farlo dove vuole. In un'isola abbandonata? Poveglia, S.Spirito, La Grazia, qualche "ottagono" disabitato, la zona a Nord del porto di Malamocco (Alberoni), S.Giacomo in paluo, S. Giorgio in alga...tutto questo se accettate anche la puzza e lo sporco che troverete.

A caccia di reperti archeologici

S. Ariano, vicino a Torcello, è il posto dove si possono trovare vicino alla riva ossa umane (era un vecchio cimitero), pezzi di ceramica antica e cose del genere. Dovete sapere che per fermare l'azione erosiva della marea sul fango della barena sono stati costruiti delle specie di barriere fatte con tutto lo scarto di quei tempi (facciamola semplice) e che adesso possono costituire dei singolari souvenir d'annata. Di valore o no, sono sempre pezzi che appartengono al passato glorioso della Serenissima. E se volete iscrivervi a qualche corso di archeologia marina non fate altro che contattarmi per avere più informazioni.

Messe nere

Le messe nere sono vietate ma c'é chi ne approfitta del silenzio di qualche isola abbandonata per farsi quelle cose che piacciono a loro. Vicino al forte di S. Andrea si sono sfogati per un po' di tempo almeno fino a quando qualcuno ha trovato delle tracce.

Suicidio

Qualsiasi isola va bene. Si può approfittare anche di viaggiare a forte velocità dopo una lauta bevuta magari in una notte senza luna: vedrete che prima o poi qualche bricola o palina la prenderete sul viso.

Mangiare e bere

Posti classici: isola delle Vignole (vecchie e nuove). Posti classici dove chi ci lavora ne approfitta a tenere altissimi i prezzi senza offrire un servizio decente. Si può optare di scegliere l'isola di Burano (dove si mangia decisamente meglio) o un agriturismo a Treporti (da Tiepolo): si ormeggia la barca, si attraversa la strada e ci si siede vicino al caminetto. A scelta un pranzo a base di carne o pesce, cose fatte in casa e prodotti del campo vicino.

Pescare

Avete mai sentito un pescatore che vi dia dei consigli validi? Ogni pesce ha la sua stagione quindi domandate in giro o prendetevi un buon libro che tratta queste zone. Primo consiglio: fatevi la licenza di pesca. Cosa si pesca? Mormore, ombrine, orate in primavera inoltrata (ma sono piccole...!) e soprattutto a fine estate e in autunno. Branzini tutto l'anno ma meglio non in inverno. Passarini alla fine dell'estate. Seppie in primavera e in autunno (d'estate col caldo ci sono le seppioline). Calamari ai primi freddi (e anche ai secondi) ma solo fuori a 6 M dalla costa. Sgombri in mare, lecce in porto a Malamocco e così via. I posti classici per pescare? La legge dice che non si può pescare in acque portuali ma chiudono un occhio.

Posti validi per pescare

Bocca di porto del Lido: prima di entrare in mezzo alle dighe tutti vanno vicino alla pagoda di S. Nicolò e non dall'altra parte dove c'é il faro di Punta Sabbioni fuori dalla laguna. Una volta entrati dalla bocca di porto il lato sinistro è preferibile al destro (anche se si sussurra che i branzini si trovano solo là ma solo a notte fonda). Proseguendo dopo le due luci rossa e verde il lato destro equivale al lato sinistro. Se si gira verso il canale di Treporti si può scegliere la zona appena dopo "el bacan" a sinistra e vicino al canale d'entrata a Treporti paese.

Zona tra il forte di S. Andrea e il Lido: a destra, entrando dalla bocca di porto, del fanale giallo a centro canale (anche perché a sinistra devono passare i transatlantici...) si pescano seppie o orate.

Inizio del bacino di S. Marco: vicino all'isola di S.Servolo, prima di girare a sinistra, vicino alle bricole di sinistra seppie e orate. O proseguendo per il canale orfano sulla sinistra. Sempre all'inizio del bacino di S. Marco, proprio di fronte ai giardini di S. Elena, dal lato opposto del canale vicino alle bricole...si dice "sulla zenziva" e cioè tra la zona di acqua alta e quella bassa.

Canale delle navi: dirigendovi verso Murano sul lato sinistro del canale appena dopo l'ingresso al diporto velico fino ad appena dopo il cantiere delle navi si possono pescare seppie o orate/mormore. Passarini ma solo verso la fine dell'estate nello spazio tra il cantiere delle navi, il cantiere Actv e l'ingresso al canale di S. Pietro.

Murano: di fronte al faro e di fronte agli imbarcaderi Actv. In pratica nel canale dei Marani.

S. Alvise: nelle vicinanze di S. Alvise e Madonna dell'Orto si pescano passarini.


Imbarcazioni caratteristiche. A Venezia tutti dicono "ostregheta" e vanno tutti quanti in gondola. Invece l'imbarcazione tipica di Venezia sarebbe...

Muoversi a Venezia. Un tentativo di raccontare i vari personaggi che compongono l' allegra compagnia del trasporto pubblico a Venezia.
Tecniche per usufruire al meglio il vaporetto a Venezia

Miti culinari dei veneziani. Quali sono veramente i cibi e le bevande tipiche che il veneziano consuma quotidianamente

Come si veste il veneziano nel nuovo millennio

Cichéti & bàcari: molto ci sarebbe da scrivere. Accontentatevi di questo

Souvenir: Vivisezione di alcuni tipici oggetti ricordo che ognuno nella nostra vita ha comperato nella classica gita a Venezia

Le mete turistiche preferite dai veneziani

Soprannomi dei gondolieri

Saggezza popolare o ignoranza e basta? Metodi antichi per regolarsi senza le medicine odierne ma solo con l'esperienza dei vecchi. Tutto è tratto da un libretto del 1878 di G.B.Bernoni della Filippi editore di Venezia. Il testo è in dialetto ma io l' ho tradotto e sintetizzato in italiano

Il profumo di Venezia

Foto dall'alto

 

Sesso in piazza S. Marco. In "piazza" non si è solo colpiti dalle bellezze architettoniche ma anche dalla presenza femminile che si mette in bella mostra

Turisti: Come in altre città d'arte, il turista viene classificato ed etichettato. Breve commento e classifica antipatia

Extracomunitari: indagine comportamentale

Canzoni tipiche veneziane: le canzoni delle serenate

"Piere sbuse". Mistero e pettegolezzo di quelle pietre con il buco al centro che sporgono in certi palazzi veneziani.

Arrivo a Venezia da Mestre con l'auto

Cronaca di una mattina di mezza estate

Cronaca di una gita in barca sul Canal Grande

Cronaca di una partenza da S. Marco per Punta Sabbioni

Arrivo a Venezia dal mare

Miserie marciane

Ada

Moony Witcher

Sindaco!

RRR

 

Carnevale 2004

Carnevale 2005

Carnevale 2005. Le foto

Il volo della Carolina

Redentore

La Regata delle Befane

S. Martino

Madonna della Salute

Test del moto ondoso. Un problema di Venezia. Classifica della fretta. Commento.

Acqua alta a Venessia: uso degli stivali

Neve

Ricette venessiane tipiche. Da stampare e attaccare in cucina mentre le preparate

Il leone di S. Marco. Storia della nostra bandiera

Leoni marciani

Segnali marini

Cosa fare in laguna?

Le gobbe di Venezia

Giuochi: quelli che si facevano una volta. E di adesso...

Piccola raccolta di ninna nanne e filastrocche

Verbi

Calcio: settore giovanile

 
 
 
     
 
Dal maggio del 2000 - Venessia.com