Indovina la foto misteriosa

Le migliori della settimana

La foto della settimana

Perché Venessia.com

Download

Link



 
VENEZIA E' CARA?
Dì la tua...
 
Espressioni dialettali veneziane. Piccola raccolta delle parolacce.

Termini comuni che non si usano più. O quasi.

Modi di dire

Dizionario veneziano-inglese

 

Leggende di ieri

Leggende di oggi

La leggenda del poaro fornareto

 
Poesie, racconti, esperienze veneziane...tutto quello che vi passa per la testa. Inviatemi quello che volete, magari con una vostra foto, e io pubblicherò tutto qui

Ristoranti, pizzerie, locali giusti, bacari, bar... Scrivete i vostri locali preferiti e leggete quello che hanno detto gli altri

 
Le feste di Venessia.com

Una bici per Luigi. Iniziative di Venessia.com.

La seconda bici per Luigi...

Venessian in Australia

 

VènetoRing

Indŕo | Lista dei siti | Stat́steghe | Xóntite | Sito a caxo  | Vanti

 
Veneziani d.o.c.: questi sono i veneziani che a torto o a ragione sono considerati i più invidiati a Venezia. Comunque caratteristici.

I gondolieri

I tassisti

Gli abusivi

Quelli delle bancarelle

Gli intromettitori

Altri veneziani:

I portabagagli

I venditori di
grano per i piccioni

I cantanti delle serenate in gondola

I veneziani comuni

I vigili

Sbarbai

 

Colombi

Gatti

Flora & fauna

 

Lido

Chioggia

Pellestrina

Mestre

Marghera

 

 

Ninna nanna e filastrocche di una volta

 

Ea vecia marantega va in cusina
tol el corteo e a massa el vedeo
tol el piron ea sente che bon
ea va in altana
ea fia ea ana
ea fia ea stopa
el diavoo ea copa

per quanto riguarda:

Mezogiorno, pan in forno
se el zè coto damene un toco
se el zè cruo àssio eà
mezogiorno zè sonà

so che continuava così...

xe sonà ea campana
tutti i putei fa ea nana
fa ea nana sul fogher
bonasera caegher
el caegher xe andà a roma
con tre soldi de cafè...

Deo menueo
deo mesaneo
più ongo de tuti
scaracapussi
massa babai!
(contando le dita della mano del bambino)

Versione di Roberto S.
deo meneo, so fradeo, stanga eonga, tiraoci e copapeoci

Caregheta d'oro,
che porta il mio tesoro,
che porta el me bambin,
caregheta careghin.

Nana bobo'
tetine coco'
tuti i putei fa nana
e sto puteo no.

Piova piova vien
che te vogio tanto ben
che te vogio tanto mal
piova piova va in canal

Si giocava in quattro e più, incrociandosi saltellando: così si cantava negli anni '50 alla elementare Giacinto Gallina di Venezia.
Son marinaio, marinaio della marina
porto le chiavi dell'oro e dell'argento
son marinaio di questo bastimento
finchè l'Italia più libera sarà sarà sarà
Se fossi una regina sarei incoronata
ma sono contadina nei campi a lavorar
Do re mi fa fa fa sol la si do do do
Do re mi fa fa fa sol la si do do do
Dentro un vaso di porcellana
stava chiusa una bella cinesina
che danzava la danza americana
con l'ombrellin, cinesin pam pam cinesin pam pam
do re mi fa fa fa sol la si do do do
do re mi fa fa fa sol la si do do do

Din don campanon,
7 muneghe sol balcon
una che stira una che ava
una che fa capei de pagia una che speta sò marìo che ghe fassa el pan bogìo sensa ogio sensa sal,
sue rive del canal passa 2 fanti cò 2 cavai bianchi,
passa eà guera...tuti sò per tera!

 

Tutu tutu cavalo
la mama vien dal balo
co e tetine piene
per darghei a sti putei
i putei no le vol
la mama ghe e tol
el papà i scu eassa
in meso dea piassa
le done che le varda
ghe magna ea mostarda
i omini che le vede
ghe mo ea e scorese
scorese scoreson
buta sti putei
so de tombo eon!

Campieo campieeto
xe nato un porseeto
questo io gà ciapà
questo io ga copà
questo io ga cusinà
questo io ga magnà
e a questo picenìn
gnanca un tochetìn
(le prime due rime girando in tondo con il dito sul palmo della mano del bambino e poi contando le dita partendo dal pollice)
compraremo un bisato
longo longo longo... (portando el deo più ongo de tuti e el scaracapussi al polso a soto el brazo)
che cavaremo el spin (pisegango da soto el brazzo al polso)
faremo tanti tochi (pestando dal polso a soto il brazzo)
per darghe da magnar
a questo picinin

Sbara mi, sbara ti,
ea mia gata vol morir,
eassa pur che a mora,
ghe fasemo na cassa d'oro
cassa d'ro de curame...
bim bum bam amen!


Bòvoeo bovoeo tira fora i corni sinò te masso
bòvoo bòvoeo tira fora i corni sinò te masso

E desso che ti t'ha cucà el biscoto

no ti ghe vol più ben al to forner

ah, sì birichin

bueon ti e anca iu!
El mio bèn
sentà sul fièn
più che io vardo
più beo el vièn...

Questa xè ea storia de Sior Intento
che dura tanto tempo
che mai no se destriga
vustu che te ea conta o vusto che te ea diga?

E qua si aspettava la risposta: se era contimea si proseguiva: "ti ti ga dito contimea, ma questa zè ea fiaba de sior intento... ecc. ecc."

Manina bela
fata penela
dove ti se stada
da la nona
cossa ti ga magnà
poenta e late
gate...gate...gate!

Burata, burata
i spini dea gata
i ossi per i cani
fasioi par i furlani
el megio per i osei
ea papa per i putei.
Brata buraton
buta sto puteo
so de tombo eon.

Salto biralto
me rompo el naso
me rompo el viso
salto in paradiso!

Din don campanon
tre putee sol balcon
una che fila, una che tagia
una che fa i capei de pagia
una che prega el Signor Idìo
chel ghe manda un bon marìo
bianco, rosso e co eorìo
come na rosa del giardin,
din don...don din...din din
Versione di Lucia
Din don campanon
sete muneghe sul porton
una che fia
una che raspa
una che fa capei de pasta
una che prega San Matìo
che ghe manda un bon mario
bianco rosso e incoiorio
come un petaio fiorio

Soto i ponti de Verona
ghe xe 'na vecia scoresona
ea scoresa tuto el dì
chi va fora ti xe ti

A Parigi i vende suca
ia tagia col corteo
ia mete sol piateo
chi vol suca vegna qua!

Conta: Pim pun taratapita pita pirugia pim pun taratapita pita pirus.

mea peo
mea pòeo
meo porto in campo san Pòeo
e co' so' eà ea mòeo

Cavallino Rovarò, con la biada che ti do, con i feri che te meto per andar a San Francesco, San Francesco se ontan, va pian pian pian

Dona Maria in Francia...
impresteme el sc.iopetin...
finamente che vado in Francia a copar sto osein...
che tutta ea notte canta, no posso mai dormir...
el canta da gaeo, risponde ea gaina....
ea nona Giuseppina, sentada sul balcon...
indove xe sto balcon?...
el fogo lo ga brusa'...
indove xe sto fogo?...
l'acqua ga destua'...
indove xe sta acqua?...
el bove la ga sorbia...
indove xe sto bove?....
in campo S.Polo, i ghe tagia ea testa e el coeo...
col sc.iopetin dei omeni...
che magna pan e fava...
ea fava gera cota...
i la ga messa dadrio ea porta....
ea porta gera piena de acqua...
ande' a ciamar ea nona Cornacchia...
ea nona Cornacchia no pol venir...
ghe xe nato un bel bambin...
ea va su per e montagne...
ea xe che ea serca e castagne...
e castagne xe de oro...
ande a ciamar el Barbadoro...
Barbadoro s'ha fatto ea barba...
merda in bocca a chi me varda.

Ghe gera na volta
Piero se volta,
casca na sopa
Piero se copa
casca un sopin
Piero fa un tomboin,
casca un sopon
Piero fa un tomboeon.

Eà befana vien de note
cò e scarpe tute rote
col vestito da romana
viva, viva ea befana.

Su e so sessantanove
case nove da fitar
deghe ea papa al vecio
deghea col scugier!

Al nono Cocon
ghe tira el ba eon,
do soldi ea lira
ea goba ghe tira.
Un do tre
la Bepina la fa el café
fa el café coa cioco eata
la Bepina ea se tuta mata
ea se mata pal dotor
la Bepina fa l'amor
fa l'amor col sergente
la Bepina ga mal un dente
i ghe o cava co a tenaja
la Bepina se na canaja!

Nane Coca fa pipì
io go visto propio mi
io go visto co i me oci
Nane Coca ga i peoci.

Poenta e osei,
se magna coi dei.
Carne e pan,
se magna coe man.

Pum pum d'oro
la lile lancia
questo sogo
se soga in Francia
lelo lelo mi,
lelo lelo ti,
pum pum d'oro...
Sta soto ti!

Mezogiorno, pan in forno
se el zè coto damene un toco
se el zè cruo àssio eà
mezogiorno zè sonà.


el semo, el semo,
el semo s'ha negà
indove, indove,
in rio a san tomà
co cossa, co cossa
co ea chitara in man
blablam blablam...

Ea seegheta va in piassa a tor eà saeata
i vigii eà vede, eà porta in preson.
Eà salta sol leto, eà trova un confeto
el confeto gera duro, eà salta sol muro;
el muro gera bianco,
eà salta sol banco,
el banco gera roto, eà salta sol posso,
el posso gera pien da aqua...seegheta soto aquaaaa!


Imbarcazioni caratteristiche. A Venezia tutti dicono "ostregheta" e vanno tutti quanti in gondola. Invece l'imbarcazione tipica di Venezia sarebbe...

Muoversi a Venezia. Un tentativo di raccontare i vari personaggi che compongono l' allegra compagnia del trasporto pubblico a Venezia.
Tecniche per usufruire al meglio il vaporetto a Venezia

Miti culinari dei veneziani. Quali sono veramente i cibi e le bevande tipiche che il veneziano consuma quotidianamente

Come si veste il veneziano nel nuovo millennio

Cichéti & bàcari: molto ci sarebbe da scrivere. Accontentatevi di questo

Souvenir: Vivisezione di alcuni tipici oggetti ricordo che ognuno nella nostra vita ha comperato nella classica gita a Venezia

Le mete turistiche preferite dai veneziani

Soprannomi dei gondolieri

Saggezza popolare o ignoranza e basta? Metodi antichi per regolarsi senza le medicine odierne ma solo con l'esperienza dei vecchi. Tutto è tratto da un libretto del 1878 di G.B.Bernoni della Filippi editore di Venezia. Il testo è in dialetto ma io l' ho tradotto e sintetizzato in italiano

Il profumo di Venezia

Foto dall'alto

 

Sesso in piazza S. Marco. In "piazza" non si è solo colpiti dalle bellezze architettoniche ma anche dalla presenza femminile che si mette in bella mostra

Turisti: Come in altre città d'arte, il turista viene classificato ed etichettato. Breve commento e classifica antipatia

Extracomunitari: indagine comportamentale

Canzoni tipiche veneziane: le canzoni delle serenate

"Piere sbuse". Mistero e pettegolezzo di quelle pietre con il buco al centro che sporgono in certi palazzi veneziani.

Arrivo a Venezia da Mestre con l'auto

Cronaca di una mattina di mezza estate

Cronaca di una gita in barca sul Canal Grande

Cronaca di una partenza da S. Marco per Punta Sabbioni

Arrivo a Venezia dal mare

Miserie marciane

Ada

Moony Witcher

Sindaco!

RRR

 

Carnevale 2004

Carnevale 2005

Carnevale 2005. Le foto

Il volo della Carolina

Redentore

La Regata delle Befane

S. Martino

Madonna della Salute

Test del moto ondoso. Un problema di Venezia. Classifica della fretta. Commento.

Acqua alta a Venessia: uso degli stivali

Neve

Ricette venessiane tipiche. Da stampare e attaccare in cucina mentre le preparate

Il leone di S. Marco. Storia della nostra bandiera

Leoni marciani

Segnali marini

Cosa fare in laguna?

Le gobbe di Venezia

Giuochi: quelli che si facevano una volta. E di adesso...

Piccola raccolta di ninna nanne e filastrocche

Verbi

Calcio: settore giovanile

 
 
 
     
 
Dal maggio del 2000 - Venessia.com